IL TIPì INFORMAZIONI TECNICHE

I PALI



Il numero di pali necessari varia a seconda della dimensione del tipì:
Per montare un tipì con un diametro di base di 4 metri occorrono 11 pali lunghi circa 5 metri. Un tipì di 6 metri necessita di 15 pali. A questi si aggiungono i due pali per le alette.
Un buon palo deve essere:
- Dritto
- Con pochi nodi
- Levigato
Ci si può procurare i pali necessari tagliando giovani alberi in un bosco; questa operazione andrebbe fatta nei mesi invernali in fase di luna calante (in questi periodi c'è meno linfa nei tronchi, di conseguenza l'essicazione sarà più rapida). Una volta tagliati i pali andrebbero legati strettamente insieme e messi ad essiccare verticalmente. Lo stesso procedimento può essere seguito per le canne di bambù, in questo caso è buona norma levigarne gli anelli scuri e sporgenti.



In alternativa si può far tagliare i pali da una segheria ricavandoli da tavole di conifere di almeno 5cm di spessore.
Una volta che i pali saranno secchi è bene trattarli con protettivi per il legno.



Dopo aver aggiunto tutti i pali al tripode legarli insieme girando per quattro volte intorno al tipì in senso orario.


LA TELA ESTERNA



La tela esterna è la copertura del tipì; in origine era fatta con pelli di bisonte; nei tipì di oggi si usa la tela di cotone. Essa è fissata in alto all'incrocio dei pali e a terra per mezzo di picchetti.



Nella parte anteriore presenta la porta e un'apertura per il fumo con alette orientabili a seconda della direzione del vento che consentono un tiraggio ottimale. La tela esterna ha una forma simile a quella di un semicerchio; durante il montaggio la si avvolge intorno ai pali e la si allaccia mediante una serie di bastoncini infilati nelle apposite asole.





Anche la porta viene fissata allo stesso modo: una buona porta deve aderire bene alla tenda per evitare fastidiosi spifferi. Ogni costruttore ha studiato dei metodi per rendere le porte più rigide e comode da usare. Una buona strategia potrebbe essere quella di inserirvi alcuni listelli di legno per mantenerla tesa ed evitare che fletta verso l'interno.



Le raffigurazioni sui tipì degli indiani delle pianure rappresentavano eventi e simboli di particolare significato per il proprietario della tenda; per questo motivo la consuetudine tra costruttori e proprietari di tipì è di non copiare i disegni altrui.







La tela impiegata per la costruzione dei miei tipì è in cotone naturale a trama fitta. Un eventuale trattamento ne prolunga la durata aumentandone impermeabilità e resistenza.
La tela esterna è orlata e provvista di cordini di ancoraggio per i picchetti. Tutti i punti soggetti a maggiore sforzo sono rinforzati con strati di tela supplementari e adeguate cuciture.



LA TELA INTERNA

La tela interna è un'altra componente molto importante del tipì.
Essa ha la forma di un semicono tronco alto circa 180 cm, è provvista di cordini per appenderla ed è composta da tre sezioni.



Il suo compito è tener fuori l'umidità, il freddo e l'acqua che scende scorrendo lungo i pali; essa contribuisce alla ventilazione e all'espulsione del fumo. L'aria calda che sale dall'interno permette a quella più fredda proveniente dall'esterno di salire tra le due tele mantenendo così il tipì fresco d'estate e caldo d'inverno.
La tela interna impedisce la formazione di condensa all'interno del tipi.
Tradizionalmente le tele interne sono decorate con motivi geometrici propri della cultura degli indiani delle pianure.



Per conservare più efficientemente il calore all'interno del tipì si può montare un ozan, ovvero un semisoffitto interno in tela che copre la metà posteriore del tipì. L'ozan è utile anche in caso di forti piogge perché è un'ulteriore protezione contro le gocce d'acqua che entrano dall'incrocio dei pali.

CORDE E PICCHETTI



Per il montaggio di un tipì occorrono due corde: una per la legatura del telaio di pali e l'altra per appendere la tela interna.
Nel caso di un tipì con diametro di base di 6 metri la prima corda sarà lunga circa 13 metri (con un diametro di 8mm)mentre quella per la tela interna circa 10 metri (con un diametro di 4mm).

Le corde in fibre sintetiche sono le più facili da reperire, bisogna tener presente che una corda sintetica usata per legare il telaio dei pali risente del calore del fuoco e dei sedimenti del fumo diventando piuttosto rigida e difficile da snodare.
Esistono anche corde in canapa, più costose ma più morbide e facili da annodare.

Il tipo di picchetti da usare varia in funzione del terreno sul quale si monta il tipì. Su prati e terreni leggeri si possono
usare picchetti in legno. La loro lunghezza deve essere di 35/40 cm.
Per terreni duri o sassosi consigliamo l'utilizzo di un picchetto di ferro (ad esempio un pezzo di tubo da idraulico) per preparare la sede dei picchetti in legno. E possibile utilizzare anche i picchetti da campeggio del tipo più lungo e robusto.
Per chiudere la tela esterna intorno ai pali si utilizzano dei bastoncini in legno lunghi 25/30 cm e spessi 1 cm che vanno infilati nelle apposite asole.